SPIKE LEE: BERLUSCONI? NO NO NO!

spikelee jesse jackson.JPG

Spike Lee, il regista afroamericano icona del movimento black in America e amico personale del neo presidente Barack Obama risponde con un coro ironico a Silvio Berlusconi che ha chiamato “abbronzato” il neo eletto. “Obama sì sì sì, Berlusconi No! No! No!”.

Raggiunto telefonicamente al suo ufficio della New York University, dove insegna cinema e arti visive, Spike Lee replica a modo suo, tra l’ironico e l’arrabbiato, quando gli vengono riportate le parole del Presidente del Consiglio. “Obama sì sì sì, Berlusconi No No No”, il tormentone è stato registrato anche in un video in cui con le stesse parole e lo stesso ritornello Spike Lee rispondeva alle domande sull’Italia durante la notte della vittoria elettorale. Una notte in cui Spike Lee è stato protagonista coi giornalisti e con Jesse Jackson, altra icona del movimento black americano, già candidato, sconfitto, alle primarie per correre alla Casa Bianca. 

“Il 4 novembre è stata una giornata storica per me e l’America” – ha spiegato Spike Lee – “Mi sono svegliato a New York, ho comprato i giornali, sono andato a votare nel mio quartiere e naturalmente la macchina elettronica per votare non funzionava, così mi sono dovuto far dare una scheda elettorale di carta per essere sicuro che il mio voto fosse contato, poi ho fatto in tempo a prendere l’aereo e arrivare a Chicago per partecipare alla notte in cui l’America è cambiata”.

Quali sono i suoi rapporti con Obama?

“Puoi dire che siamo amici personali, e per tutti gli afroamericani ora c’è un fratello alla Casa Bianca”.

Cosa ha detto ai suoi figli quando è tornato a casa?

“Sono arrivato col primo aereo della mattina per dargli il buongiorno, gli ho detto che si sono svegliati in un’America diversa, migliore. Questo vale non solo per i miei figli o per i bambini di colore, ma anche per i bambini bianchi e per quelli di tutta l’America”.

Come guarda al passato?

“Un periodo oscuro che i ragazzi dell’altra parte (i repubblicani) hanno cercato di replicare rendendolo ancora più scuro, per fortuna non ci sono riusciti”.

Cosa dice dell’Italia dove lei ha fatto un film che è stato pesantemente criticato?

“Vai Vai Vai!!!”

Berlusconi ha definito bello e abbronzato Barack Obama, che ne pensa, è un insulto razzista?

A questo punto parte il coro in cui si era già esibito davanti le telecamere durante la notte della convention circondato dai giornalisti:

“Obama Sì Sì Sì! Berlusconi No! No! No!, Obama Sì Sì Sì! Berlusconi No! No! No!”

Non c’è verso di farlo tornare serio, evidentemente la sua trovata gli è piaciuta tanto, che non diventi il titolo o la colonna sonora di un nuovo film “anti-italiano”?

 

Francesco Paravati

SPIKE LEE: BERLUSCONI? NO NO NO!ultima modifica: 2008-11-11T15:57:27+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “SPIKE LEE: BERLUSCONI? NO NO NO!

Lascia un commento